• T Terzani

La grande foto è l’immagine di un’idea – Tiziano Terzani

La fotografia è la giusta sintesi tra ragione e istinto.

Uno dei lati affascinanti della fotografia per me è proprio questo. Da un lato il raziocinio ci impone il ragionamento, la riflessione e la programmazione di quello che facciamo. L’analisi della realtà. Grazie al ragionamento impostiamo il nostro lavoro, lo programmiamo, facciamo in modo di creare un seguito ad una idea. L’istinto dal canto suo, rende l’attimo il fulcro di ogni cosa. E’ l’istinto che ci porta a cogliere un istante irripetibile, ad imprimere in modo indelebile un qualcosa di unico. Senza l’istinto, l’idea potrebbe non trovare la sua realizzazione. O ancora meglio, nonostante tutto il ragionamento, è il saper assecondare l’istinto che stravolge i programmi regalando risultati inattesi e soddisfacenti.

L’istinto è una cosa innata. L’essere umano lo ha ereditato dal mondo animale, che un tempo governava il mondo unicamente attraverso questa tendenza. Certo, al giorno d’oggi ci sono animali che governerebbero ancora meglio di certi uomini… ma questo è un altro discorso!
L’istinto ci spinge laddove razionalmente non andremmo. Ci porta a fare scelte immediate, estemporanee, che il più delle volte sono delle reazioni.
Spesso la fotografia è espressione dell’istinto di chi sta dietro alla macchina. “La grande foto è l’immagine di un’idea”, appunto.
Ci sono delle fotografie donate al mondo da illustri autori che, se non fosse stato per il loro innato istinto, oggi non potremmo ammirarle. Chi mai l’avrebbe detto che lo sguardo di quella ragazza afgana ritratta da Steve McCurry e pubblicata sul National Geographic nel 1985, sarebbe diventata un cult? O l’immagine dei Marines degli Stati Uniti che alzano la bandiera a Iwo Gima scattata da Joe Rosenthal nel 1945? Di esempi ce ne sono tanti ovviamente, ma i reportage sono la categoria in cui questa qualità ha la meglio. Che siano viaggi, zone di guerra o sport, il racconto di un qualcosa fortemente condizionato dall’ambiente che lo circonda, è l’habitat ideale per mettersi alla prova e affinare il proprio istinto.  Certo serve anche la programmazione e, quindi, ecco che torna la ragione. Un binomio vincente.

Io credo che l’istinto debba essere messo a disposizione dell’evento. Aprendo la mente ad ogni possibilità, preparandosi a vedere le cose in modo alternativo o ad anticipare gli eventi che stanno per accadere.

La street photography raggruppa questi aspetti, raccontanto la vita reale di strada, appunto, ma in modo diverso… coinvolgendo, descrivendo un qualcosa che in quel preciso momento si sta verificando. Il tutto attraverso gli occhi del fotografo, ovviamente. La sua interpretazione è fondamentale.
Ci sono alcune tecniche legate a questo campo della fotografia che sono proprio il sintomo di come il mezzo tecnologico debba assecondare l’istinto di chi scatta, trasformando l’idea in una immagine precisa. Sto pensando, ad esempio, al metodo di messa a fuoco più veloce che esista in assoluto: l’iperfocale.
Proprio grazie a questa tecnica, ci si può totalmente concentrare sull’ambiente in cui siamo, non dovendo pensare alle impostazioni della macchina perdendo così quegli attimi preziosissimi che fanno la differenza. “F8… and be there!”, questo è il motto. Imposta la macchina prima, affidati alla profondità di campo giusta e poi… Devi esserci. Il segreto è tutto qua. Ma scusate, non è forse un altro caso in cui il ragionamento è al servizio dell’istinto?!
Le macchine fotografiche a telemetro più famose al mondo in questo utilizzo, hanno il mirino laterale proprio per la loro architettura tecnica e questo è un grosso vantaggio per chi “racconta” e fa reportage. Infatti, ciò permette di posizionare l’occhio destro sul mirino, mentre il sinistro lo si può tenere aperto garantendo così una visuale più ampia dell’ambiente, che va oltre a quella inquadrata. In questo modo si possono prevedere situazioni o ingressi in campo visivo di oggetti in movimento.
L’ideale per essere al posto giusto, nel momento giusto.

In conclusione, quello che per me rappresenta la fotografia è un binomio imprescindibile che può coinvolgere la maggior parte delle immagini che ogni giorno osserviamo. E’ un binomio vincente, come detto, proprio perché l’uno non esclude l’altro e, anzi, il giusto equilibrio tra la ragione e l’istinto porta a raggiungere quegli scopi che ogni fotografo si prefissa.

 

Filippo Orsi – PhotOrsi

 

 

  • Smoking man
  • Smoking man
  • Smoking man
  • Smoking man
  • Smoking man

Behind the scene

Volevo raccontare una breve storia dietro agli scatti di questo post.

Niente di nuovo o di ecclatante, ma è la semplice realtà di quando si fotografa in strada e si cerca di raccontare una storia, qualunque essa sia.
Ognuno cerca il proprio approccio quando affronta un progetto fotografico. Spesso ci si trova semplicemente nel momento giusto, al posto giusto. Quando si parla di street photography, si possono certamente ascoltare i pareri di personaggi illustri che hanno fatto di questo ambito, il loro marchio di fabbrica. Storie bellissime, narrate per immagini. I reportage possono assumere valenze decisamente importanti anche dal punto di vista storico, lo sappiamo. Tutti abbiamo visto immagini che hanno raccontato la nostra storia. Dalle guerre, alle manifestazioni, all’evoluzione socio-politica dei paesi.
Ma tornando su concetti più semplici, quando si esce per una sessione di fotografia di strada ci si può concentrare su un determinato aspetto che si desidera raccontare.
Possiamo decidere a priori quale sia lo scopo della nostra giornata ed andare in giro cercando quella precisa storia da descrivere.

Ecco, bene, non è il caso che sta dietro a queste immagini.
Non avevo una precisa volontà, se non quella di non pormi dei limiti. Osservare, provare e osservare ancora. In cerca di dettagli che mi dessero una ispirazione.
Avevo già scattato diverse immagini. Io dò moltissima importanza alla luce. Adoro le luci nette e dure, che creano contrasti e ombre precise. Molto spesso trovo una scena interessante, che mi piace, ma non la scatto se le luci non mi convincono. Le ombre aiutano a raccontare, perché celano e allo stesso tempo rivelano e rafforzano la storia. Un’immagine piatta, anche se ricca di contenuti perde la sua forza.
Qualche scatto buono lo avevo realizzato, ma non ero molto soddisfatto pur avendo trovato le condizioni di luce che preferisco.
Stavo per rientrare, quando sulla mia strada mi trovo di fronte a questa scena: un signore anziano, dall’aria stanca si siede su una panchina davanti a me per riposare e fumare in santa pace.
Smoking manUn attimo in cui percepisco il semplice piacere di quell’uomo, nell’accomodarsi in tranquillità per godersi un momento solo per lui. Si guarda attorno, osservando la gente che gli passa accanto e che frequenta la piazzetta. Continua a fumare e io non riesco mai a scorgergli il volto, al massimo un profilo accennato. Mi fermo qualche metro dietro di lui e osservo. La luce è esattamente dove dovrebbe essere. Le ombre perfette, creano il contrasto che cerco con la sua sagoma abbondante e il fumo bianco intenso che si diffonde nell’aria. Anche la direzione che prendono le nuvole di fumo mi piace. Ci siamo. Mi abbasso, inquadro e scatto. Aspetto che il momento migliore arrivi, non sapendo se mai ci sarà. Verifico subito dai primi scatti che l’immagine mi convince, peccato solo che in alcuni momenti ci sia troppa gente attorno… Ormai capisco e riesco ad anticipare le boccate di fumo dell’uomo. E scatto ancora. Passano un bambino in bicicletta seguito da quello che penso essere il padre… l’uomo sembra seguire appena la scena e resta concentrato nel suo fumare. La piazzetta sembra improvvisamente liberarsi, il momento che aspettavo sta per arrivare. Ma è allora che l’uomo smette di fumare, si china leggermente e lentamente quasi per darsi uno slancio col suo bastone e si alza, andandosene, senza mai guardarsi indietro.

Smoking man

Quel signore non si è accorto di nulla. Si è goduto il suo momento e inconsapevolmente ne ha regalato uno piacevole anche a me. Ha reso l’uscita di quel giorno non inutile. Ha dato un senso a quello che un fotografo cerca.
Tornando a casa continuavo a pensarci ed è bello come a volte tu possa incappare in una scena coinvolgente… avevo quasi la sensazione di aver rubato la libertà del momento a quella persona. Ma essendo disposti ad osservare e vivere l’attimo e il luogo in cui si è, si scorgono momenti unici che vale la pena di imprimere.
O rubare, appunto.

Filippo Orsi – PhotOrsi